Virus, il racconto dallo Spallanzani “Cinesi dimessi rifiutati da hotel e taxi”

Coronavirus: “I cinesi dimessi rifiutati da hotel e taxi”. Il racconto

.cnt-body iframe {width: 100%;}
#instagram-embed iframe {width:600px; height:115vh;display:block;}<!–

–>

.Resp_-_top_contenuto_- { width: 280px; height: 90px;}
@media(min-width: 800px) { .Resp_-_top_contenuto_- { width: 420px; height:80px;} }

<!– –>

Coronavirus, il gruppo di 20 cinesi provenienti da Wuhan che sono stati a contato con i coniugi contagiati sono stati dimessi in mattinata. Ma potevano uscire già mercoledì sera ma alberghi e tassisti li hanno rifiutati: il racconto choc di una infermiera dell’ospedale Spallanzani.

 

“Non erano preoccupati per il fatto di essere stati ricoverati, ma li preoccupava il fatto che gli alberghi non li accettavano e sono dovuti rimanere un’altra notte – ha spiegato Regina –. Lo stesso con i taxi: li chiamavano parlando in inglese ma quando i tassisti vedevano che erano cinesi e non li facevano salire”.

“Ieri – continua – erano senza mascherina, senza guanti, potevano socializzare e quindi anche uscire ma non hanno trovato posto, non avevano dove andare. Loro volevano uscire, pernottare fuori ma non è stato possibile”.

Dopo la quarantena di 14 giorni, il gruppo è stato dimesso giovedì mattina e ora farà ritorno in Cina. La comitiva è già all’aeroporto di Fiumicino dove prenderà un primo volo per Francoforte, poi un secondo per il loro paese.

<!– –>Leggi l’articolo originale – https://www.affaritaliani.it/roma/coronavirus-i-cinesi-dimessi-rifiutati-da-hotel-taxi-il-racconto-choc-652431.html?ref=ig

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Chiudi