Stadio Roma: diventa maxiprocesso Parnasi, De Vito, Lanzalone a giudizio

Stadio Roma: Parnasi, De Vito e Lanzalone a giudizio. Diventa maxiprocesso

.cnt-body iframe {width: 100%;}
#instagram-embed iframe {width:600px; height:115vh;display:block;}<!–

–>

.Resp_-_top_contenuto_- { width: 280px; height: 90px;}
@media(min-width: 800px) { .Resp_-_top_contenuto_- { width: 420px; height:80px;} }

<!– –>

Stadio della Roma, sarà maxiprocesso: riuniti i tre filoni di inchiesta che vedono imputate 16 persone tra cui Marcello De Vito e l’avvocato Mezzacapo, il costruttore Luca Parnasi e l’ex presidente di Acea Luca Lanzalone. I legali del numero uno dell’Assemblea Capitolina contrari alla decisone presa dal tribunale.

 

I giudici dell’ottava sezione collegiale, accogliendo la richiesta della Procura, hanno quindi riunificato i tre filoni processuali in uno solo procedimento. I pm contestano, a seconda delle posizioni, associazione per delinquere, corruzione e finanziamento illecito.

Il processo entrerà nel vivo il prossimo 5 marzo, con la nomina di un perito destinato a trascrivere le intercettazioni. Il tribunale, che ha risolto varie questioni preliminari, ha anzitutto bocciato la richiesta dei difensori di Marcello De Vito di annullare il decreto di giudizio immediato per indeterminatezza e genericità del capo di imputazione.

Il collegio, presieduto da Paola Roja, ha poi ammesso le liste testimoniali presentate dalle parti. Il sindaco Virginia Raggi, citata sia dall’accusa e che dalla difesa De Vito, figurerà tra i testi che saranno sentiti in udienza assieme agli ex assessori alle Partecipate e all’Urbanistica Massimo Colomban e Paolo Berdini, al direttore generale del Campidoglio Franco Giampaoletti e al dirigente della A.S. Roma Mauro Baldissoni. Una data di convocazione della sindaca ancora non c’è.

Tra le parti civili ammesse dal tribunale ci sono il ministero dei Beni Culturali e Assoconsum che vanno ad aggiungersi a quelle già costituite, e cioè Roma Capitale, Cittadinanzattiva e Codacons.

Stadio Roma: difesa De Vito cita Bonafede testimone nel processo

Non solo Virginia Raggi. C’è anche il nome del ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, nella lista dei testimoni citati dalla difesa di Marcello De Vito, il presidente dell’Assemblea capitolina sotto processo per concorso in corruzione nella vicenda legata alla costruzione del nuovo Stadio della Roma. Anche sulla convocazione in udienza del Guardasigilli (ancora non c’è la data) il tribunale ha dato il suo ok.

Bonafede, all’epoca dei fatti appartenente ai gruppi di coordinamento dei Comuni governati dai Sindaci del M5S, dovrà riferire – si legge nell’atto depositato al tribunale – “sulla posizione del Comune di Roma Capitale per la realizzazione del progetto ‘Nuovo Stadio della Roma’ e sui tempi, sui motivi e sui soggetti che conducevano la volontà dell’Amministrazione comunale al raggiungimento di una intesa con il Proponente (Eurnova, la società dell’imprenditore Luca Parnasi, ndr)”. Il ministro della Giustizia sarà sentito, poi, anche “sulla natura e sull’oggetto della riunione tenutasi il 24 febbraio 2017, dove la maggioranza di governo deliberava di realizzare il progetto ‘Nuovo Stadio della Roma’”.

Stadio Roma, Sanvitto: “Quello che la Raggi ignora della Legge sugli stadi”

<!– –>Leggi l’articolo originale – http://www.affaritaliani.it/roma/stadio-roma-parnasi-de-vito-lanzalone-a-giudizio-diventa-maxiprocesso-647182.html?ref=ig

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Chiudi