M5S vuole Raggi al Consiglio dei ministri Il sindaco di Roma al tavolo con Conte

M5S scatenato, vuole spedire Raggi al Consiglio dei ministri accanto a Conte

.cnt-body iframe {width: 100%;}

.Resp_-_top_contenuto_- { width: 280px; height: 90px;}
@media(min-width: 800px) { .Resp_-_top_contenuto_- { width: 420px; height:80px;} }
<!– –>

Avvisate il Governo, arriva il ciclone Raggi. L’ultima proposta dello scatenato Movimento 5 Stelle capitolino: Virginia ministro di Roma. Per l’assessore al Personale De Santis “il sindaco della Capitale deve sedere in modo permanente al tavolo del Consiglio dei Ministri”.

 

L’idea è stata lanciata dai 5 Stelle capitolini, più precisamente dall’assessore capitolino al Personale, Antonio De Santis, tra i componenti della giunta più vicini al sindaco Virginia Raggi. “Roma necessita di uno status giuridico e di attribuzioni normative che le consentano di allinearsi alle principali capitali europee. Per questo abbiamo elaborato alcune iniziative mirate, da avviare subito. Il sindaco di Roma deve sedere in modo permanente al tavolo del Consiglio dei Ministri”, scrive De Santis su Facebook.

L’assessore parla anche di una ipotesi di cui la sindaca avrebbe già discusso con il premier Giuseppe Conte: “È necessario istituire un tavolo di altissime personalità, per disegnare uno statuto giuridico e normativo di Roma Capitale che risponda ai suoi effettivi bisogni”.

<!– –>Leggi l’articolo originale – http://www.affaritaliani.it/roma/m5s-scatenato-vuole-spedire-raggi-al-consiglio-dei-ministri-accanto-a-conte-630374.html?ref=ig

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Chiudi